L’invalidità

invalidità

L’invalido è il soggetto che non ha la possibilità di svolgere un lavoro a causa di un’età

senile, da una malattia fisica o mentale.

 

La legge n. 68/99 definisce i disabili quali:

–       Invalidi civili con percentuale minima di invalidità pari o superiore al 46%;

–       Invalidi del lavoro con percentuale minima di invalidità pari o superiore al 34%;

–       Non vedenti (le persone colpite da cecità assoluta o con residuo visivo non superiore a 1/10 in entrambi gli occhi anche con correzione di lenti);

–       Non udenti (le persone colpite da sordità dalla nascita o prima dell’apprendimento della lingua parlata, purché la sordità non sia di natura esclusivamente psichica o dipendente da causa di guerra, di lavoro o di servizio ai sensi della legge 381/70)

–       Invalidi di guerra, Invalidi civili di guerra, Invalidi di servizio (T.U. pensioni di guerra – DPR 915/78 e successive modifiche).

 

Durante il rapporto lavorativo si possono verificare due tipologie di disabilità:

·         Disabilità sopravvenuta a causa di infortunio non sul lavoro o di malattia non professionale;

·         Disabilità sopravvenuta a causa di infortunio sul lavoro o di malattia professionale.

 

In entrambi i casi sopravviene la condizione di inidoneità alla prestazione lavorativa, per la quale il lavoratore era stato assunto.

In entrambi i casi La legge n. 68/99, art.4, comma 4, ha previsto che se i lavoratori che divengono inabili allo svolgimento delle proprie mansioni in conseguenza di infortunio o malattia hanno subito una riduzione della capacità lavorativa inferiore al 60 per cento o, comunque, se sono divenuti inabili a causa dell’inadempimento da parte del datore di lavoro, accertato in sede giurisdizionale, delle norme in materia di sicurezza ed igiene del lavoro, non costituiscono giustificato motivo di licenziamento nel caso in cui essi possano essere adibiti a mansioni equivalenti ovvero, in mancanza, a mansioni inferiori.

Nel caso di destinazione a mansioni inferiori essi hanno diritto alla conservazione del più favorevole trattamento corrispondente alle mansioni di provenienza.

Qualora, per i lavoratori predetti, non sia possibile l’assegnazione a mansioni equivalenti o inferiori, gli stessi saranno avviati, presso un’altra azienda, in attività compatibili con le residue capacità lavorative. 

Ti interessa essere sempre aggiornato?

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali in conformità alla Privacy Policy

 

La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 14757/2017, confermando un orientamento che può definirsi

cristallizzato, ha stabilito che “solo l’inutilizzabilità della prestazione del lavoratore divenuto inabile,

con alterazione dell’assetto organizzativo della medesima può costituire giustificato motivo di licenziamento”.  

Leggi articolo dell’Avv. Veroni Licenziamento e inidoneità sopravvenuta alla mansione

 

 

Se necessiti di assistenza in uno dei casi sopra citati, contattaci telefonicamente  

+390704521018 +39070492891 o manda una mail info@studiolegalededoni.it

CONTATTACI

 

INVIACI UNA RICHIESTA

Accetta il trattamento dei dati ai sensi del Dlgs 196/2003 sulla Privacy Policy