L’infortunio sul Lavoro

infortunio sul lavoro

In Italia, l’infortunio sul lavoro è disciplinato dal Decreto del Presidente della Repubblica

del 30 Giugno 1965, n. 1124, Testo unico delle disposizioni per l’assicurazione

obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

 

L’art. 2 del dpr n. 1124/1965, prevede che una specifica assicurazione obbligatoria (INAIL) copra tutti i casi di infortunio avvenuti per causa violenta in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un’inabilità  permanente  al  lavoro,  assoluta  o  parziale, ovvero un’inabilita’ temporanea assoluta che comporti l’assenza dal luogo di lavoro per oltre tre giorni.

 

L’assicurazione è obbligatoria per diverse categorie professionali (art.4 dpr n. 1124/1965):

–         Il lavoratore dipendente;

–         Gli artigiani;

–         Gli apprendisti;

–         Gli insegnanti e gli alunni delle scuole o istituti di istruzione di qualsiasi ordine e grado, anche privati, che svolgano esercitazioni di lavoro; gli istruttori e gli allievi dei corsi di qualificazione o riqualificazione professionale o di addestramento professionale anche aziendali;

–         Il coniuge, i figli, gli altri parenti, del datore di lavoro che prestano con o senza retribuzione alle sue dipendenze opera manuale, o non manuale;

–         I soci delle cooperative e di ogni altro tipo di società, anche di fatto, comunque denominata, costituita od esercitata, i quali prestino opera manuale, oppure non manuale;

–         I ricoverati in case di cura, in ospizi, in ospedali, in istituti di assistenza e beneficenza quando, svolgono attività lavorative;

–         I detenuti in Istituti o in stabilimenti di prevenzione o di pena, quando, per il servizio interno degli istituti o stabilimenti, o per attivita’ occupazionale, svolgono attività lavorative;

–        I lavoratori a domicilio;

–         I sacerdoti, i religiosi e le religiose che prestano opera retribuita manuale o non, alle dipendenze di terzi diversi dagli enti ecclesiastici e dalle associazioni e case religiosi;

–         I componenti dell’equipaggio delle navi.

Ti interessa essere sempre aggiornato?

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali in conformità alla Privacy Policy

 

Il lavoratore ha l’obbligo di denunciare al datore di lavoro l’avvenuto infortunio entro 15 giorni dalla sua manifestazione se la prognosi è superiore ai tre giorni lavorativi.

 

Il datore di lavoro dovrà denunciare il fatto all’Istituto assicuratore (Inail), entro due giorni dall’avvenuta conoscenza dei fatti, trasmettendo il certificato medico del lavoratore.

 

L’obbligo di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro è a carico del datore di lavoro.

I contributi Inail devono essere peraltro corrisposti in anticipo all’Inail.

 

 

Se sei un datore di lavoro o un lavoratore e necessiti di assistenza per lo svolgimento delle pratiche,

contattaci telefonicamente   +390704521018 +39070492891 o manda

una mail info@studiolegalededoni.it

CONTATTACI

 

INVIACI UNA RICHIESTA

Accetta il trattamento dei dati ai sensi del Dlgs 196/2003 sulla Privacy Policy